L’infinita gioia per la vita.

L’infinita gioia per la vita.

La morte.

Atto finale.

La morte mi ha preso, infine, come io volevo che fosse. Sto scivolando dentro un oblio senza ritorno. Striscio nel fango di un’agonia senza fine e mi consola sapere che alla fine del tormentato volo rivedrò la luce eterna di un sorriso che mi ha, in tutti questi anni, sostenuto, di un ricordo che nel tormento di ogni giorno, tra le perfette liriche della poesia, mi ha guidato. E, attraverso il sublime canto, il martirio diventerà infinita gioia. Scivolo, attendo che il mio tempo si fermi per sempre, che la mia storia diventi immortale: rendendo gloria al fuggevole e immorale candore delle parole, di ciò che, non senza dolore, ho scritto, rendendo infine eterno il mio supplizio.

MOSES SOON.

Da: ” Frammenti di Follia”.

Share

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>